L’Adorazione dei pastori

L’Adorazione dei pastori

Un’Adorazione dei Pastori attribuita a Giacomo Stella

Questa “Adorazione dei Pastori” faceva parte del ricco arredo del convento dei padri francescani di Acquapendente. Anche se l’opera è in cattivo stato di conservazione, un dettaglio significativo rimane intatto: un sasso in basso a destra con le lettere “G”, “B” e “P”, probabilmente le iniziali dell’autore.

L’opera, databile alla prima metà del 1600, sembrerebbe di area nordica. Claudio Strinati, nelle sue indagini, suggerisce che l’autore sia Giacomo Stella, un pittore bresciano di grande temperamento. La sigla “G(iacomo) B(resciano) P(inxit)” confermerebbe questa attribuzione. Stella è noto per il grande affresco della “Creazione di Eva” alla Scala Santa a Roma, che mostra affinità con questa tela.

In sintesi, questa “Adorazione dei Pastori” potrebbe essere opera di Giacomo Stella, eseguita intorno al 1615, come suggerito dalle indagini stilistiche e dalle iniziali sul sasso.

Opera proveniente dal Convento di San Francesco di Acquapendente di proprietà del Fondo Edifici di culto- Ministero dell’Interno – Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione – Direzione Centrale degli Affari dei Culti e per l’Amministrazione del Fondo edifici di Culto