Anfore Vinarie: Una Finestra sulla Storia Romana

Anfore Vinarie: Una Finestra sulla Storia Romana

Nel vasto mondo dell’archeologia, le anfore vinarie rappresentano uno degli oggetti più affascinanti. Utilizzate dai Romani per trasportare e conservare il vino, queste anfore ci raccontano molto della vita quotidiana e del commercio dell’epoca.

Non abbiamo molte informazioni su questo oggetto, ma ci incuriosisce la sua funzione.

La nostra anfora rientra nella categoria Dressel 1 ed è tra le più conosciute.

Immaginate una grande brocca di terracotta, alta fino a 120 centimetri, con due robusti manici ai lati. Questi manici permettevano di trasportare facilmente l’anfora, che aveva una base appuntita per essere infilata nella sabbia o in appositi supporti durante il viaggio.

Perché Erano Importanti?

Queste anfore erano fondamentali per i Romani non solo per il commercio del vino all’interno dell’impero, ma anche per l’esportazione verso altri paesi. Ogni anfora era etichettata con iscrizioni che indicavano il nome del mercante e il contenuto, garantendo che tutti sapessero esattamente cosa stessero comprando.

Cosa Ci Raccontano i Reperti Archeologici?

Molte di queste anfore sono state trovate lungo le coste del Mediterraneo, spesso in antichi naufragi. Questi ritrovamenti ci offrono uno sguardo unico sulle rotte commerciali dei Romani e sui loro metodi di trasporto.

Scopri di Più

Se vuoi immergerti nella storia e scoprire altri affascinanti reperti, visita la nostra sezione legata alle ceramiche  Ti aspettiamo per condividere con te le meraviglie della nostra collezione!