La maiolica arcaica

La maiolica arcaica

Questa ciotola smaltata è della metà del XIII secolo e rappresenta un bellissimo esempio di maiolica arcaica, uno dei più rappresentativi della produzione del Centro Italia e della Toscana. nella vasca (ossia la parte concava) è stato disegnato un “Agnus Dei”, quindi il tema ritratto è sicuramente religioso.

Agnus Dei significa agnello di Dio e si riferisce a Gesù Cristo nel suo ruolo di vittima sacrificale per la Redenzione dei peccati dell’umanità. Dal punto di vista iconografico e simbolico viene così rappresentata: un agnello che porta una croce o un vessillo crociato che rappresenta Cristo. Tale icona può essere raffigurata da sola come emblema cristologico o apparire in stemmi episcopali, insieme ad altri elementi più personali.

Gli artigiani vasai realizzavano opere spesso per una specifica committenza legata alla famiglie della nobiltà, alle corporazioni delle arti e anche alle confraternite. Questo reperto è stato rinvenuto negli scavi del complesso archeologico di Sant’Agostino, indipendente dall’uso, la committenza potrebbe essere legata ai frati agostiniani.

Nella descrizione tecnica si dice: ciotola carenata a due manici. Questo perchè la parte centrale della ciotola ha la forma di una carena … termine attribuito alla parte sommersa delle barche, che in effetti nella ciotola ricorda questa forma. La decorazione viene detta a “ramina (verde) e manganese (bruno)” e è caratteristica di questo periodo.