San Giovanni evangelista

San Giovanni evangelista

Particolare del quadro raffigurante San Giovanni evangelista realizzato probabilmente da Antonio Annibale Nasini fratello del più noto Francesco Nasini da Piancastagnaio che era stato incaricato da Frate Giulio Leonardi della decorazione nel convento di San Francesco di alcune cappelle e delle storie del coro con episodi della vita di Sant’Antonio da Padova.

In questo particolare si nota la penna d’oca che sta usando per scrivere il suo vangelo, le parole appena appuntate sul libro sono infatti «In principio erat Verbum et Verbum erat apud Deum, et Deus erat Verbum».

Questo quadro, insieme ad un altro raffigurante San’Ermete Martire, arredava le pareti del refettorio del convento francescano.